Scenari in evoluzione

Scenari in evoluzione

Fabrizio Rocco, direttore generale di Mareno, racconta come sta cambiando il mondo della ristorazione in Italia e quali sono i trend per i prossimi anni

Nulla è più certo del cambiamento.
Il mondo e la società sono in continua evoluzione e molto è cambiato anche nel settore della ristorazione. “Nel tempo è mutata l’idea stessa di qualità”, spiega Fabrizio Rocco alla guida di Mareno, l’azienda di Mareno di Piave (TV) che produce soluzioni complete per tutti i tipi di ristorazione professionale.
“Negli anni del dopoguerra qualità era quantità e mangiare bene equivaleva a mangiare tanto. Poi negli anni '80 e '90 qualità significava estetica e infine, recentemente, il cibo è sempre più legato al benessere e alla salute. Oggi qualità significa anche sostenibilità e attenzione ai prodotti locali, e questo è ancora più vero in Italia dove la cultura enogastronomica è ricca e fortemente radicata nel territorio”.
La ristorazione è cambiata: “non è più solo un mestiere fatto di passione, ma anche di pensiero, studio e attenta ricerca”, sottolinea Rocco. “Chi fa ristorazione ha di fronte consumatori sempre più consapevoli e informati, esigenti e attenti alle scelte che fanno”.

UN SETTORE IN ESPANSIONE
Con oltre 20 anni di esperienza alla guida di un importante marchio di attrezzature per la ristorazione come Mareno, Fabrizio Rocco ha un osservatorio privilegiato sul mercato italiano. Il manager traccia il quadro della situazione con il supporto di dati recenti: “In Italia i pasti fuori casa sono in continua crescita. Secondo il Rapporto del Centro Studi Fipe, il 77% degli Italiani consuma, più o meno abitualmente, cibo al di fuori delle mura domestiche, sia che si tratti di colazioni, pranzi, cene e aperitivi. Parliamo di 39 milioni di persone e di un business che vale in Italia oltre 76 miliardi, il terzo per giro d’affari in Europa”.
“In base ai segnali del mercato credo che la crescita maggiore avverrà nel mondo della ristorazione veloce, grazie ai nuovi format commerciali in continua espansione”, spiega Rocco. “E il trend va verso una ristorazione commerciale di qualità e sempre più specializzata.
Ma anche la ristorazione tradizionale continuerà ad avere successo se saprà evolversi valorizzando le materie prime e il territorio, mantenendo un corretto rapporto qualità-prezzo”.

UNA SCELTA SEMPRE PIÙ RAGIONATA
Più pensiero, studio e consapevolezza: questa è la ricetta della ristorazione di domani. Come sottolinea Rocco, “la ristorazione commerciale in futuro dovrà definire sempre più accuratamente la strategia, curando i suoi prodotti, ma anche pianificando il target di prezzo, la location, la promozione e la comunicazione con i clienti. È chiaro che il successo non si può improvvisare, ma va costruito studiando tutte le variabili”.
Il manager di Mareno ne è convinto: “In questo contesto sarà sempre più importante che i produttori sappiano offrire consulenza, informazioni e consigli. Già adesso ci rendiamo conto che la fase di progettazione richiede più tempo rispetto al passato, perché ogni particolare è studiato per il buon funzionamento del locale. È nella fase del progetto che Mareno entra in gioco, in modo diretto o con la nostra rete di distributori, per collaborare con il cliente e creare valore”.

NEL SEGNO DELL’INNOVAZIONE
“Mareno aiuta i suoi clienti a trovare la migliore soluzione per le loro esigenze, con una particolare attenzione al risparmio. Siamo costantemente impegnati a studiare e produrre macchine più performanti, termini di velocità, precisione e qualità per offrire risultati di alto livello costanti nel tempo”, spiega Fabrizio Rocco.
Un esempio? “Abbiamo recentemente lanciato sul mercato una nuova linea di prodotti evoluti e completamente touch per supportare gli chef nel loro lavoro.
La linea ICHEF avvicina le due anime creative dello chef: la tradizione culinaria e la scienza, la passione e la precisione. Le apparecchiature, infatti, sono dotate del pannello Control Cooking System che offre molteplici vantaggi: visibilità, precisione delle impostazioni, controllo delle temperature, riduzione degli sprechi e risparmio di energia grazie al collegamento con il sistema Power Guardian®. Non è fantastico?”.

LE SFIDE DEL FUTURO
L’innovazione non si ferma. “Il prossimo passo dell’evoluzione comprenderà i sistemi IoT (Internet of Things) che avranno un ruolo sempre più importante nella gestione centralizzata dei macchinari: dall’assistenza alla gestione delle manutenzioni, dall’utilizzo alle registrazioni di dati, fino alla gestione del risparmio energetico e alla gestione dell’HACCP”, racconta Rocco.

IL PANORAMA ITALIANO
Il settore del foodservice equipment ha subìto in questi ultimi anni una profonda trasformazione. Come si è modificato lo scenario italiano? “I distributori hanno investito per aumentare le competenze e le specializzazioni, cercando di ottimizzare la presenza nel territorio e abbracciando settori che un tempo venivano trascurati”.
“D’altra parte – prosegue Rocco - “le aziende che oggi producono macchinari per la ristorazione Made in Italy sono numerose e l’offerta è rilevante. Ma anche in questo panorama affollato possiamo fare la differenza grazie
ai nostri servizi e all’organizzazione.
Appartenere al Gruppo Ali è molto importante: è garanzia di qualità e di affidabilità. Una sicurezza per i nostri clienti”.

UNA VISIONE POSITIVA
Forte dell’esperienza maturata sul campo e con i dati alla mano, Rocco racconta la sua visione del mercato nel prossimo futuro. “Nel settore del foodservice i 
cambiamenti avvengono molto lentamente.
Ad oggi non vedo particolari fattori che possano portare a un peggioramento.
Al contrario, ritengo che ci siano ancora spazi enormi e che il cambiamento dipenda solo da noi. Le prospettive sono positive, tutti gli indicatori forniscono dati confortanti. Siamo passati attraverso un periodo di crisi e sicuramente il mercato subirà ancora delle trasformazioni.
I competitor saranno sempre più determinati, ma stiamo lavorando in un mercato veramente grande che offre tante opportunità. Grazie alle proprie specializzazioni sono sicuro che il Gruppo Ali potrà cogliere nuove opportunità".
Nessuna preoccupazione? “Ritengo che non dobbiamo temere nessun avversario.
Dobbiamo prepararci e continuare a innovare, lavorare in team e ascoltare il mercato come abbiamo sempre fatto.
Se continueremo su questa strada il futuro sarà sicuramente positivo e pieno di soddisfazioni per tutti in Mareno”, sostiene fiducioso il manager.

Scenari in evoluzione
Scenari in evoluzione
Back to TOP